SHOP

Anna World:

L’idea green del marchio toscano che rivoluziona, insieme ai suoi clienti, il modo della produzione e del consumo di pelletteria

Le borse componibili di Anna Cloud: pezzi unici in continua metamorfosi, destinati a durare nel tempo

Metti una piccola città come San Miniato, nel cuore del distretto toscano del cuoio, e tre giovani imprenditori che hanno voglia di dare vita a un sogno, ed ecco che nasce Anna Cloud, un brand destinato a scardinare le regole della moda e del consumo di pelletteria.

È nel 2019 che Luca Cerbai, Francesco Nenna e Andrea Puccini uniscono le loro competenze per lanciare quello che loro stessi definiscono un «progetto giovane dall’anima green»: un marchio di borse in pelle totalmente on demand e componibili. L’idea era balenata inizialmente a Cerbai,

pellettiere toscano di terza generazione: «Volevo cambiare rotta», afferma in un’intervista al mensile La Conceria, e dopo anni al timone dell’azienda di famiglia alla fine vede arrivare il momento di mettersi in proprio. L’occasione viene proprio dall’incontro con il designer Nenna e con il project manager Puccini: insieme progettano un marchio di borse personalizzabili, innovative nel concetto e nelle forme, ma con l’anima ben radicata nella tradizione della pelletteria toscana di qualità e allo stesso tempo marcatamente green.

La filosofia del brand Anna Cloud è totalmente ecosostenibile e si riassume nel motto «Buy less, buy better»: partendo dall’idea di prodotti durevoli perché realizzati con pellami di qualità il progetto si è sviluppato nella ricerca di partner virtuosi anche a livello di certificazioni, quali la Conceria Montebello di Vicenza che da anni detiene qualifiche prestigiose in merito di riduzione di impatto ambientale.

L’ottimizzazione delle risorse riguarda poi anche la vendita: le borse Anna Cloud sono infatti pezzi unici realizzati su richiesta e acquistabili solo online in modo da abbattere i costi di eventuali intermediazioni. Sul sito web dell’azienda il cliente può trovare un simulatore con cui configurare il proprio acquisto scegliendo tra i 7  colori delle 5/6 componenti, e può anche scegliere di acquistare il singolo pezzo con diversi abbinamenti cromatici. Si tratta di oggetti totalmente scomponibili per adeguarsi al proprio outfit ma anche alla stagione e, perché no, all’umore del momento. Insomma: una sola borsa ma dalle mille risorse. Perché anche questo è evitare lo spreco: puntare su oggetti mutevoli e di qualità per passare dalla fast fashion alla slow fashion.

Se il target al momento è prevalentemente giovane e italiano, non è escluso che un domani Anna Cloud possa essere sdoganata anche all’estero. Perché la moda, soprattutto se è etica e sostenibile come questa, è universale.

 

BE CREATIVE, BE CLOUD!